it-ITen-USes-ESba-RU

Business tutor: giovani e imprenditori

Business tutor: giovani e imprenditori

Author: Anonym/Monday, June 13, 2011/Categories: News, Italia

Giovedi 14 Luglio alle 14.00 presso Auditorium Banca CR Firenze, via Carlo Magno 7, si terrà la finalissima del Business Tutor, gli studenti della Scuola Scienze Aziendali dovranno presentare i loro Business Plane preparati, su casi concreti, di alcune imprese dell’Incubatore Firenze.

Nel 1985 il Comune, Camera di Commercio, Provincia e Confindustria di Firenze, anticipano e capiscono la necessità di rispondere ad esigenze del mercato con figure capaci, preparate, motivate e con esperienze adeguate, nasce così la scuola scienze aziendali, che tutt’oggi ha sede nel edificio a carattere storico, il “Casone di Sorgane”.

Il corso dura diciotto mesi di cui dodici in aula suddivisi in due blocchi da sei mesi ciascuno. I primi sei, sono di formazione aziendale, diritto, lingue, fisco, economia statistica ecc., dove è fondamentale omogeneizzare le conoscenze dei partecipanti, che vengono da studi spesso diversi; i successivi sei mesi riguardano la parte più operativa e professionale, gli studenti dovranno scegliere, consigliati anche dalla scuola, il corso che preferiscono tra “Marketing, Distribuzione e Tecniche di Vendita” o “Gestione Amministrativa, Contabile dei Costi e Logistica”.

Chi sceglie marketing dovrà affrontare una parte del corso all’estero per migliorare la lingua e aumentare le esperienze. Gli stage all’estero sono possibili grazie ad accordi internazionali che la scuola ha con Aziende e Istituti di Stati Uniti, Canada, Giappone, Singapore, Australia ecc..

Alla fine del corso tutti affronteranno sei mesi di stage in Italia e inoltre la scuola aiuta i ragazzi a trovare lavoro.

I futuri imprenditori o dirigenti oltre allo studio in aula hanno la possibilità di toccare con mano le realtà aziendali, grazie a incontri con chi già fa parte del mondo del lavoro. Questo è uno dei punti di forza della scuola che rende reali i casi e i problemi studiati in aula, cosi da introdurre gradualmente gli studenti nel mondo del lavoro. La scuola risponde a esigenze di aziende che cercano giovani ben formati con esperienze, che hanno l’idea di quello che è il lavoro.

L’incubatore Firenze crea le condizioni per aiutare la nascita di nuove imprese, fornendo servizi, consulenza, formazione, infrastrutture tecnologiche e multimediali. Comune di Firenze, Regione Toscana, Provincia di Firenze e Camera di Commercio di Firenze hanno contribuito all’avvio della struttura e, avvalendosi dei fondi della legge Bersani per le aree a degrado urbano, hanno acquistato i locali dell’Incubatore.

La gestione è affidata alla scuola Superiore di Tecnologie Industriali, nata nel 1995, che aiuta le imprese del territorio nella ricerca di personale specializzato e da la possibilità di accedere gratuitamente a corsi di aggiornamento.

Dal momento che l’azienda, grazie al bando di concorso, presente online, vince la gara, può avvalersi dei servizi che l’incubatore offre: Preincubazione, Incubazione, Aggregazione e Postincubazione.

Le aziende in Preicubazione usufruiscono di un periodo, un anno, di formazione e supporto, dove verranno aiutati a determinare la fattibilità del progetto attraverso anche consulenze amministrative e economiche.

Nella fase successiva, Incubazione, quando l’azienda è stata avviata e si è determinato la fattibilità, gli vengono assegnati i locali gratuitamente e tutte le attrezzature dell’incubatore, inoltre sono sottoposti a costanti revisione al Business Plane e saranno organizzati eventi informativi per far conoscere l’azienda e creare occasioni di business.

In fine l’Aggregazione e la Postincubazione sono rivolte ad aziende non inserite nella struttura ma che possono usufruire dei servizi e del supporto allo sviluppo.

La dottoressa Arianna Guarnieri quattro anni fa capì l’ottima opportunità che Scuola Scienze Aziendali e Incubatore avevano nel collaborare. Le aziende dette incubate, che attraverso un bando di concorso, si trovano in un ambiente “protetto”, spesso hanno idee innovative sia nel settore green sia tecnologico, ma i fondatori hanno molte volte una scarsa conoscenza del settore economico, della comunicazione e amministrativo. Ecco che gli studenti della SSA hanno la possibilità di mettere in pratica quello che per dodici mesi hanno studiato in aula.

Nel cercare di anticipare il mercato e migliorare le esperienze degli studenti, nel 2009 Paolo Targetti, grazie al suo intuito e alla profonda conoscenza del mercato, propose di dare agli studenti un ruolo diverso, più impegnativo avendo così la possibilità di dimostrare ancora di più i loro talenti, non più come semplici studenti ma veri e propri tutor.

La novità di quest’anno è la partecipazione di giovani commercialisti che affiancheranno i ragazzi della SSA, ancora una volta questo progetto che unisce più scuole e personale specializzato nel settore, dimostra come i fondatori e i vari collaboratori hanno risposto alle reali esigenze del mercato.

Sei gruppi di studenti collaborano per tre mesi con gli imprenditori di sei nuove aziende che fanno parte dell’incubatore, per preparare dei progetti di sviluppo e lancio sul mercato di prodotti o servizi. Alla fine di questa collaborazione saranno valutati attraverso una commissione formata da imprenditori e da aziende sostenitrici della SSA.

Quest’anno i ragazzi che parteciperanno al Business Tutor impegnandosi a preparare il business plane e fare da tutor a nuovi imprenditori sono:

Calamai Jacopo, Mggesi Chiara, Biagini Marta, Laffusa Daniela, Rizzo Francesco, Bulathgamage Dilush, Giacomelli Morad, Carta Ramaciandra, Rossetti Alessandro, Fanelli David, Nifarete Aliraj, Lombardini Eleonora, Galeotti Alessia, Dantini Francesca, Alessi Marco, Grotteria Paci Francesco e Polito Tommaso, Gastel Emanuele, Baldini Alessandro, Betti Filippo, Cassamenti Francesco, Casa’ Giuseppe, Masini Daniele, Gestri Virginia, Martini Debora, Lippi, Donato Alessio, Mennonna Alessandro, Mocchi Federica,Rovelli Matteo,Martelli Tommaso, Mannelli Filippo, Tani Gianmarco.

Number of views (29246)/Comments (0)