it-ITen-USes-ESba-RU

L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme

L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme

Ordo Equestris Sancti Sepulcri Hierosolymitani

Author: Anonym/Tuesday, March 26, 2013/Categories: News, Italia

Una rappresentanza dei 130 Cavalieri e Dame della Delegazione di Firenze dell'OESSG (Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme)  prenderà parte sia alla cerimonia del Fuoco Santo, il Sabato sera, sia alla celebrazioni pasquali in Battistero ed in Cattedrale a Frenze.
Ma che cos'è questo Ordine e chi sono i suoi membri ?
L'Ordine nasce per volere di Goffredo di Buglione ai tempi della Prima Crociata. Nel 1103, Balduino I, primo Re di Gerusalemme, si mise a capo dell'Ordine lasciando al Patriarca di Gerusalemme ed ai suoi successori la facoltà di creare Cavalieri fra coloro che avevano aderito alla Regola di Sant'Agostino. Essi costituivano la milizia scelta. Di questo Ordine facevano parte nobili, cavalieri o prelati che avevano ricevuto l'investitura sul Santo Sepolcro.
Dopo la riconquista di Gerusalemme da parte di Saladino, avvenuta nel 1182, ma soprattutto dopo la scomparsa del Regno Cristiano di Gerusalemme, l'Ordine continuò a sopravvivere in Europa sotto la protezione della Santa Sede o di sovrani e principi ma, praticamente, non partecipò più ad eventi militari. Si dedicò però a mantenere vivi i suoi principi e a favorire una sempre più ampia diffusione della fede cristiana, della carità ed all'aiuto ai più deboli.
In epoca più recente, nel 1847, venne ripristinato il Patriarcato, ed il Pontefice Pio IX promulgò un nuovo statuto più aderente ai tempi: l'Ordine venne posto sotto la protezione della Santa Sede con il ruolo specifico del mantenimento delle opere del Patriarcato Latino di Gerusalemme.
Pio XII nel 1949 stabilì che il Gran Maestro dell'OESSG fosse un Cardinale di Santa Romana Chiesa e che il Patriarca di Gerusalemme ne divenisse Gran Priore.
Dal febbraio 1996, il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II elevò la dignità dell'Ordine costituendolo come Associazione Pubblica di fedeli, eretta dalla Sede Apostolica e conferendogli personalità giuridica canonica e civile con sede in Vaticano.
Al pari degli ordini equestri pontifici a collazione diretta la Repubblica Italiana riconosce le onorificenze conferite con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri previa istanza dell'insignito da inoltrare tramite le Prefetture di residenza o tramite i Ministeri. L'Ordine Equestre del Santo Sepolcro risale al 1099 e trae le sue origini dall'Ordine dei canonici del Santo Sepolcro nell'ambito della Prima Crociata, ed è considerato dagli storici il più antico Ordine assistenziale, caritativo, equestre e religioso dell'era cristiana, ancora attivo.
L'Ordine, oggi, si pone il fine di rafforzare nei suoi membri la pratica della vita cristiana, in assoluta fedeltà al Sommo Pontefice ed in linea con gli insegnamenti della Chiesa, di sostenere anche economicamente le opere e le istituzioni culturali, caritative e sociali della stessa Chiesa Cattolica in Terra Santa e nel Patriarcato Latino di Gerusalemme, sostenere i diritti della Chiesa Cattolica in Terra Santa ed attraverso le proprie strutture in questi Paesi, porsi come strumento "ponte" di reciproca conoscenza, comprensione e quindi pace fra le varie popolazioni e le diverse fedi, aprendo le proprie strutture indifferentemente a tutti coloro che desiderano frequentarle, senza preclusioni.
La struttura operativa si articola su due distinte gerarchie, l'Ecclesiastica che ha la responsabilità dello sviluppo spirituale dell'Ordine e quella Laica a cui spetta la responsabilità gestionale dell'Ordine.
L'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme è una struttura gerarchica a capo della quale siede il Cardinale Gran Maestro, direttamente nominato dal Santo Padre (Cardinale Edwin Frederick O'Brien) - Città del Vaticano.
Il Patriarca Latino di Gerusalemme e Gran Priore dell'Ordine è Sua Beatitudine Mons. Fouad Twal - Gerusalemme. Il Patriarcato si estende su quattro nazioni: Israele, Territorio Palestinese, Giordania e Cipro.
L'Ordine è suddiviso in Luogotenenze, che corrispondono generalmente ai territori nazionali, suddivise a loro volta in Sezioni (coordinamenti regionali) e queste in Delegazioni (strutture territoriali di base, corrispondenti alle giurisdizioni territoriali diocesane).
La Luogotenenza per l'Italia Centrale Appenninica, che comprende le regioni ecclesiastiche di Toscana, Umbria e Marche, ha la propria sede a Firenze ed il Luogotenente è S.E. Barone Giovanni Ricasoli Firidolfi.
In particolare la Delegazione fiorentina ha sede nella Chiesa dei Santi Michele e Gaetano, in piazza Antinori.
L'Ordine è - attualmente - suddiviso in 56 Luogotenenze nel mondo per un totale di circa 29.000 membri.
Dalla fine del secolo scorso fino ad oggi, l'Ordine ha finanziato e realizzato 42 Scuole Patriarcali in Israele, Palestina e Giordania che ospitano circa 18.000 allievi dalle scuole per l'infanzia fino all'istruzione superiore ed all'avviamento al lavoro.
Queste scuole sono frequentate per il 65% da Cristiani ed il 35% da Musulmani e contribuiscono a creare, fin da piccoli, l'abitudine a convivere pacificamente e nel rispetto reciproco tra diverse etnie e professioni di fede.
I costi di gestione del Patriarcato, delle sue 68 Parrocchie, dei circa 1.500 insegnati ed impiegati, del Seminario Patriarcale Maggiore e Minore, degli orfanotrofi e dispensari, il finanziamento dei progetti per la costruzione di nuovi alloggi per le giovani famiglie cristiane, sono sostenuti grazie alla generosità dell'Ordine Equestre dei Santo Sepolcro di Gerusalemme.
Per entrare nell'Ordine i candidati sono tenuti ad affrontare un periodo di "Aspirantato" volto ad una conoscenza approfondita e ad una valutazione attenta degli stessi candidati.
Nella Luogotenza per l'Italia Centrale Appenninica, Solenni Investiture si tengono con cadenza biennale: quest'anno si terranno a Firenze, sede di Luogotenenza, il 29-30 novembre/1 dicembre, in occasione della prima domenica d'Avvento.

Copyright 2013 MyAyroraTag e Aurora - The World Wide Interactive Journal
Vietata la riproduzione anche parziale dei presenti contenuti

Number of views (35247)/Comments (0)

Archive